Esplora Salute
Intestino

Diarrea

Problema

Cos'è la diarrea

La diarrea è un meccanismo di difesa che l’organismo mette in atto per eliminare velocemente ciò che la causa (es. virus, batteri e tossine).

È caratterizzata dalla emissione di feci molli o semiliquide, 3 o più volte al giorno.

Il fatto che le feci siano sfatte o liquide conta di più del numero di evacuazioni.

A seconda della durata si parla di diarrea acuta, e persistente e/o cronica o ricorrente.

Le forme acute sono molto frequenti e, se molto intense, possono causare disidratazione nei bambini e nelle persone anziane e provocare il ricovero in ospedale.

Nella diarrea le feci sono molli e malformate per l’alterazione di vari meccanismi intestinali come la secrezione, il riassorbimento e le contrazioni e per l’alterazione della mucosa intestinale.

La diarrea è un sintomo di molte malattie.

La diarrea acuta

La diarrea acuta (occasionale) inizia in maniera improvvisa e guarisce entro 14 giorni.

Nel 90% dei casi è dovuta a una infezione da virus o da batteri e può essere accompagnata da febbre, vomito e dolore addominale.

Le gastroenteriti acute nei paesi sviluppati sono causate principalmente da virus (tra i più frequenti: Rotavirus e virus di Norwalk), altre cause sono le tossine batteriche (sostanze che provocano intossicazione) come ad esempio la tossina dello Stafilococco che si può sviluppare nei cibi, o altre tossine (es. funghi).

È di origine infettiva anche la diarrea del viaggiatore.

Molti farmaci, primi fra tutti gli antibiotici, possono causare diarrea acuta.

La diarrea cronica

La diarrea cronica dura oltre i 30 giorni; esiste anche una forma intermedia che dura 14-30 giorni (sta tra l’acuta e la cronica) e viene chiamata persistente.

La diarrea che persiste a lungo è in genere uno dei sintomi di molti disturbi cronici dell’apparato gastrointestinale.

Alcune delle cause comuni sono: i disturbi funzionali dell’intestino, tra cui la Sindrome dell’intestino irritabile o malattie più serie (es. Morbo di Chron, la colite ulcerosa), le malattie che causano malassorbimento (es. celiachia) o le infezioni croniche da parassiti.

Anche i farmaci possono causare diarrea cronica.

Cause della depressione

Le cause della diarrea

La diarrea può essere causata da numerosi fattori.

La diarrea acuta è dovuta nel 90% dei casi a una infezione virale o batterica, nei rimanenti casi a tossine, farmaci, sostanze tossiche negli alimenti.

Le forme croniche sono spesso associate ai disturbi funzionali dell’intestino, tra cui la Sindrome dell’intestino irritabile, a malattie più serie (es. Morbo di Chron, colite ulcerosa), celiachia, infezioni croniche da parassiti o a terapie a lungo termine con farmaci che possono causare diarrea.

I meccanismi che causano la diarrea

Nella diarrea le feci sono molli e non formate per uno squilibrio tra la secrezione dei liquidi e il loro riassorbimento e per l’aumento delle contrazioni intestinali, meccanismo di difesa per eliminare velocemente il responsabile della diarrea (es. virus, batterio, tossine).

Normalmente circa il 90% dei liquidi che vengono secreti nell’intestino vengono riassorbiti nell’intestino tenue, il resto nel colon e solo una piccola parte viene eliminata con le feci.

Virus, batteri, tossine, farmaci causano un’alterazione della barriera mucosa intestinale e la secrezione di quantità esagerate di acqua e sali minerali nell’intestino che non possono essere riassorbite e questo può causare disidratazione.

Disidratazione

Diarrea - Apoteca Natura

La complicazione più seria di una diarrea acuta intensa è la disidratazione, cioè la riduzione eccessiva della quota fisiologica di acqua e sali minerali contenuti nel nostro corpo.

Ci si può disidratare perché si assume poca acqua con la dieta o, come nella diarrea, perché se ne perde eccessivamente.

L’acqua e i sali minerali sono componenti fondamentali del nostro corpo, così la loro quantità non può scendere sotto certi livelli.

Il rischio di disidratazione è molto elevato nei bambini e negli anziani.

Bambini

La diarrea acuta nel bambino

I bambini si ammalano più spesso di diarrea infettiva acuta rispetto agli adulti e si disidratano più facilmente, in particolare i neonati e i piccoli sino ai 2 anni di età.

Per questo motivo la gastroenterite acuta è una delle maggiori cause di ricovero ospedaliero per i bambini.

Nel 70% dei casi di diarrea acuta del bambino i responsabili sono i virus (Rotavirus e Norovirus).
I Rotavirus colpiscono l’età più precoce (lattante) e causano soprattutto diarrea, i Norovirus interessano di più bambini e ragazzi, e provocano più vomito e dolore addominale (sono più diffusi in inverno).

Nel 10-20% dei casi i responsabili sono batteri (es. Salmonella, Escherichia coli) e nel 10% parassiti.

Perché i bambini si disidratano di più

Nei bambini il rischio di disidratazione è maggiore perché il loro corpo ha bisogno di più acqua e sali minerali rispetto all’adulto.

Alla nascita circa il 75-80% del peso del corpo è acqua, poi questa quota si abbassa al 60-65% nei bambini in età prescolare e al 55-60% negli adolescenti e negli adulti.

Il bambino piccolo ha più acqua nello spazio extracellulare (cioè fuori dalle cellule, liquidi circolanti, secrezioni) e visto che in caso di diarrea e vomito si perde soprattutto acqua dello spazio extracellulare è più facile che si verifichi uno squilibrio di acqua e sali minerali.

Il bambino può andare incontro a una disidratazione di diverso livelli di gravità se le perdite non vengono compensate.

Livelli di disidratazione

In un bambino ammalato di diarrea l’intensità della disidratazione si può comprendere anche in base alla perdita di peso:
  • Nessuna perdita di peso o meno del 3% = non c’è disidratazione o se c’è è lieve
  • Perdita del 3-9% del peso = disidratazione moderata
  • Perdita di più del 9% del peso = disidratazione grave

Quando il bambino perde peso, anche se la perdita è lieve, deve essere visitato dal pediatra.

I segnali di allarme

Un bambino che ha diarrea deve essere visitato al più presto dal pediatra, se:

  • è molto piccolo (meno di 3 mesi) e ha febbre o se è più grande ma il disturbo dura da qualche giorno ed è accompagnato da febbre;
  • vomita, non trattiene i liquidi e non riesce a bere;
  • fa poca pipì (es. se è un lattante non bagna il pannolino da 4-6 ore);
  • ha sangue e muco nelle feci, o evacua feci nere;
  • si sente molto stanco o confuso, stordito (un bambino grande) o è apatico, poco vivace, poco sorridente (lattante o un bimbo piccolo).
  • la pelle della pancia è poco elastica, gli occhi sono alonati.

Informazioni

Cos'è la barriera mucosa intestinale

La mucosa intestinale oltre alle funzioni digestive e di assorbimento degli alimenti svolge anche un’importante azione di difesa e modula la risposta immunitaria.

I fattori di difesa delle mucosa sono: il muco, lo strato di cellule epiteliali, il microbiota e una efficace funzione antiossidante (neutralizzazione dei radicali liberi, sostanze dannose se vengono prodotte in eccesso).

L’alterazione della barriera mucosa intestinale avrebbe un ruolo importante in molte delle principali patologie intestinali.

Quali sono le alterazioni della barriera mucosa intestinale nella diarrea

L’alterazione della barriera mucosa intestinale può essere causata da virus, batteri, farmaci o dall’infiammazione e provoca aumento della permeabilità della mucosa intestinale con perdita di sali, maggiore reattività delle terminazioni nervose con più contrazioni intestinali (crampi dolorosi), perdita dell’equilibrio della flora batterica (microbiota).

Tutto ciò determina diarrea, dolori addominali, malessere, rischio di disidratazione.

La diarrea da farmaci

La diarrea da farmaci (chiamata iatrogena dai medici), è un evento avverso comune da farmaci (il 7% di tutti gli eventi avversi da farmaci).

Sono più di 700 i farmaci che possono provocare diarrea e questo può essere importante soprattutto nelle persone anziane che spesso sono in trattamento con più farmaci per lungo tempo.

Perché gli anziani si disidratano di più?

Le persone anziane hanno una quota di acqua corporea ridotta, una minore percezione del senso di sete e una insufficiente risposta ormonale alla disidratazione.

Tutto ciò li rende più soggetti a disidratarsi soprattutto se la malattia li costringe a stare a letto.
Un segno significativo di disidratazione è il calo di peso improvviso del 3% o più.

Gli anziani spesso non percepiscono i sintomi della disidratazione.

In caso di diarrea acuta intensa il rischio di disidratazione è abbastanza elevato per questo occorre bere costantemente per mantenere il bilancio di acqua e sali minerali.

Diarrea antibiotica

Una terapia antibiotica può causare una diarrea più o meno grave perché provoca uno squilibrio della flora batterica (disbiosi).

In genere gli antibiotici causano una diarrea acuta (cioè di breve durata) che guarisce spesso spontaneamente in tempi brevi anche se la disbiosi può persistere molto più a lungo.

Gli antibiotici più spesso responsabili sono: le cefalosporine, l’ampicillina, l’amoxicillina + acido clavulanico, la clindamicina e i fluorochinoloni.

Diarrea del viaggiatore

La diarrea del viaggiatore è un tipo particolare di diarrea infettiva quasi sempre di origine batterica (Escherichia Coli nel 50-60% dei casi, Shigella, Salmonella e Campylobacter in circa il 10-15% dei casi).

I paesi ad elevato rischio sono: Sud-Est dell’Asia, Africa, America Latina; circa il 40% dei viaggiatori verso questi paesi può esserne colpito.

I batteri entrano nell’organismo con il cibo o con acqua e ghiaccio contaminati.

Per questo motivo è consigliabile consumare sempre cibi cotti e bere solo acqua contenuta in bottiglie sigillate.

Diarrea - Apoteca Natura

Esplora Salute

Il collegamento alla tua Farmacia di fiducia è possibile solo nel caso in cui sia una Farmacia Apoteca Natura o Farmacia Apoteca Natura Centro Salute.

Diarrea - Apoteca Natura
Diarrea - Apoteca Natura